Firenze: La storia di tre David

In che modo una sola statua è riuscita a catturare la mente di milioni di spettatori, ad attrarne lo sguardo, a piazzarsi dritto nei cuori dei suoi visitatori? Proprio questa è la storia del David, quel ragazzino rappresentato nel marmo. E subito l’occhio della mente comincia a vagare per i ricordi: Il gigante Golia, la fionda, l’emozione per il fatto che nessun vero guerriero ebbe il coraggio di farsi avanti per combattere il gigante tiranno, solo questo giovane pastore (Stando alla leggenda, perché probabilmente la realtà non è poi così romantica).

O forse ad attrarre lo sguardo è l’arte del maestro: le curve dei suoi riccioli, la posizione rilassata, la severità del suo sguardo, tutto sta a dimostrare le abilità dello sculture, che riescono a colmare quel divario tra la pietra e la realtà. C’è un barlume di preoccupazione nel suo sguardo? Forse, ma solo il tanto che basta per creare un senso di cameratismo con lo spettatore.

Qualsiasi sia la ragione, turisti ed amanti dell’arte da tutte le parti del mondo si muovono in gregge per riuscire a sbirciare il capolavoro di Michelangelo. Dopotutto è stata considerata una delle più grandi creazioni dell’uomo per gli ultimi 500 anni. Il nome non può essere confuso con altro. 

O invece può?

Una delle domande più frequenti che i nostri visistatori ci pongono è dove e quando vedere il David. Prima di correre ad ammirare il capolavoro di Michelangelo, siate sicuri di andare proprio dal capolavoro di Michelangelo! Giusto perché a nessuno piacerebbe camminare tutto il giorno per poi ritrovarsi a vedere l’altro David.
Proprio così, Firenze ha ben altre due statue del David! Ovviamente ognuna di esse vale la pena di essere vista, ma solo una è stata scavata da un pesantissimo blocco di marmo da Michelangelo Bonarroti in persona.

Uno degli altri due david è una replica in bronzo che è possibile trovare nel Piazzale Michelangelo. Questa bellissima piazzola è collocata su di una collina che si staglia su Firenze offrendo una delle migliori viste panoramiche della perla toscana. Michelangelo sarebbe davvero fiero di questo tributo al suo successo. Si può raggiungere il Piazzale Michelangelo a piedi dal centro, ma sono disponibili dei bus per quelli che considerano la salita di quella collina un po’ troppo stancante per una vacanza. Una volta lì, la statua del David si trova all’aria aperta in modo da essere visibilie a tutti, e dietro di lui presenta un’incredibile vista della città.

La seconda replica si trova in Piazza della Signoria, accompagnato dai lavori di molti altri famosi scultori. Si trova di fronte alla porta di palazzo vecchio, proprio accanto all’Ercole di Bandinelli. Questa statua occupa il posto che un tempo era riservato all’originale, e proclamava la libertà della repubblica Fiorentina.

Ovviamente se le copie sono così belle, immaginate come possa essere l’originale! Se proprio si vuole camminare per vedere David, allora bisognerebbe vedere proprio IL David!

Per farlo bisogna raggiungere la galleria dell’Accademia. Questa famosa galleria è anche casa di molte altre importantissimi opere, incluso il Ratto delle Sabine di Gianbologna e Gli Schiavi di Michelangelo. Con tutte queste magnifiche attrazioni non c’è da soprendersi che il museo sia anche famoso per le sue lunghe code e per il suo essere sempre affollato. Per fortuna esiste la possibilità di prenotare il biglietto in anticipo per saltare la coda. Tutti gli amanti dell’arte saranno felici di sapere che esiste anche la possibilità di comprare un pacchetto per vedere sia gli Uffizi che l’Accademia risparmiando e saltando la fila.

Non esiste una risposta sbagliata quando si tratta di vedere i David di Michelangelo, soprattutto se decidete di vederli tutti e tre!

Volete andare a vedere i David ma il viaggio vi sembra troppo costoso? Approfittate di questo buono flixbus!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *